Al via, da venerdì, la prima fase stabile e calda dell’Estate

0 3

estateIl 5 giugno sarà il giorno che segnerà un cambio di passo delle condizioni meteorologiche sulla nostra penisola. Dopo una fase a tratti spiccatamente instabile che ci ha accompagnato negli ultimi giorni, ora le prime avanguardie di una stabilità di tipo estivo, cioè non fugace, sembrerebbero prendere piede sul Mediterraneo centrale e sull’Italia. Complice la presenza, a tutte le quote, di una vasta circolazione depressionaria sul vicino Atlantico e sulle coste occidentali europee, dall’entroterra nord africano assisteremo molto probabilmente ad un rigonfiamento delle superfici isobariche in media ed alta troposfera che andranno a plasmare un promontorio di ALTA (da associare ad “altezza di geopotenziale”) in direzione della nostra penisola: saremo cioè interessati da un volume di atmosfera che conterrà al suo interno aria più calda di origine sub-tropicale continentale e che sarà caratterizzato da moti di compressione e di subsidenza che, schiacciando la colonna d’aria dall’alto verso il basso, imprimeranno a quest’ultima vorticità moderatamente negativa (anticiclonica), accentuando così le condizioni di STABILITÀ. Quanto durerà questa nuova fase? I limiti della predicibilità ci permettono, al momento, di spingerci fino al 10-11 giugno: ciò significa che, secondo gli ultimi aggiornamenti, è possibile azzardare che questa fase possa durare almeno 5-6 giorni, dopo di che si potrebbe ipotizzare un suo ridimensionamento che è però ancora tutto da valutare. Per quanto riguarda invece l’intensità del caldo, osservando la figura credo che sia giusto sottolineare quanto segue…

1) NON AVREMO FIAMMATE di origine nord africana: osservando le previsioni di ensemble della temperatura a 850 hPa (circa 1500 metri) sulle sei macroaree rappresentative della penisola, si può osservare che in nessuna area dell’Italia si toccheranno e si supereranno i valori di +20 °C a quella quota: durante il “picco” (probabile quasi ovunque tra domenica 8 e martedì 10 come indicano le frecce rosse), sempre a circa 1500 metri la temperatura potrebbe oscillare tra 16 e 18 °C;
2) NON AVREMO FORTE CALURA: a tali valori previsti in quota potrebbero corrispondere al suolo temperature massime per lo più comprese tra 30 e 34 °C che, seppur moderatamente anomale per il periodo (vedi messaggio di ieri) non saranno da RECORD ma consone ad una fase calda tipica del mese di giugno, mese in cui tra l’altro l’efficienza dei raggi solari è massima. Questi picchi di calore saranno poi più probabili sulle zone interne, mentre lungo le coste si risentirà delle brezze che mitigheranno il caldo ed eviteranno il raggiungimento di tali valori.
3) NON TUTTA L’ITALIA RISENTIRÀ APPIENO DELL’AVVEZIONE CALDA: le previsioni di ensemble mostrano che le regioni meridionali e la Sicilia saranno probabilmente sfiorate dalla parte più intensa dell’avvezione, tant’è che su queste aree si prevede un campo di temperatura in quota di poco superiore alla media del periodo (linea rossa) ed al limite dei +15 °C. Ciò non significa che il tempo non sarà stabile e che non farà caldo, ma che il raggiungimento dei picchi di 32-34 °C sarà poco probabile.

CONCLUSIONI: dal prossimo fine settimana ed almeno fino a metà della prossima saremo interessati da una fase spiccatamente estiva, senza eccessi e consona al mese di giugno. Come dimostrato ieri, per le aree interne picchi di 32-35 °C rientrano nel campione di temperature tranquillamente raggiungibili, per cui… attenzione ai FALSI PROCLAMI scritti con l’intento di farvi cliccare. Non regaliamo i soldi… in tempo di crisi.

 

 

 

 

 

 

Andrea Corigliano
Andrea Corigliano

Andrea Corigliano, laureato in fisica, meteorologo e divulgatore scientifico, ha collaborato con il col. Mario Giuliacci presso il centro MeteoGiuliacci. E' stato docente di meteorologia. Collabora con l’Associazione Bernacca.

View all contributions by Andrea Corigliano

Website: https://www.facebook.com/andreacorigliano.meteorologo

Leave a reply

You must be logged in to post a comment.

Associazione Edmondo Bernacca Onlus
Via Lazio, 14 Località Vivaro 00040 Rocca Di Papa (RM)
P.I. 09202051000 info@associazionebernacca.it