CALDO anomalo al capolinea, ecco le manovre chiave – di Luca Angelini

0 95

quotaIl caldo anomalo, addirittura eccezionale su alcune zone, che negli ultimi giorni ha arroventato diverse regioni del nostro Paese ha le ore contate. Per capire come avverrà questo importante verso un clima più consono all’autunno, dobbiamo esaminare in sequenza le tre manovre chiave.

FASE1 – 19/20 settembre: il promontorio anticiclonico nord-africano che ha interessato il nostro centro-sud ma che, pensate, ha posto come suo quartier generale l’Europa dell’est (n.2 nella prima figura in alto), bloccando di fatto le correnti atlantiche, perderà forza molto rapidamente. Lo farà non prima di aver posto un massimo di pressione a nord della penisola Scandinava, quindi entro il Circolo Polare. Frattanto un secondo anticiclone (n.3 prima mappa) si andrà rinforzando nel bel mezzo dell’Atlantico, con il vertice che confluirà entro il massimo sub-polare. Le masse d’aria fredda ivi presenti saranno costrette ad organizzarsi in una struttura depressionaria a occhiale.

quota2Il minimo settentrionale farà da perno tra il Baltico e la Finlandia, quello meridionale, nel corso del weekend, rilascerà un cut-off (n.1 prima mappa) sull’Italia, attraversandola da nord a sud. La fenomenologia associata prevista per sabato 19 e domenica 20, vedrà il possibile sviluppo di temporali sparsi, più probabili su bassa Padana e centro-sud peninsulare, ma si accompagnerà ad un calo delle temperature, anche sensibile, su tutto il territorio nazionale, con rinforzo dei venti dai quadranti settentrionali.

FASE2 –  21/22 settembre: in seno alla ripresa delle correnti occidentali in uscita dal continente nord-americano, l’anticiclone atlantico si porterà sui meridiani centrali europei, spezzandosi in due tronconi. Quello meridionale si porterà sull’Italia favorendo due giorni di prevalente bel tempo (lunedì 21 e martedì 22) e con temperature ovunque nella norma. Il ramo settentrionale andrà in fase con il massimo sub-polare sopra descritto (n.5 seconda figura), favorendo nel contempo l’inserimento di un nuovo centro di bassa pressione dalla Groenlandia verso le Isole Britanniche (n.4 seconda figura).

quota3FASE3 –  23/24 settembre: questa nuova saccatura, alimentata da correnti fresche nord-atlantiche, si spingerà sulla Francia e, a metà della prossima settimana, come si evince dalla mappa probabilistica in basso, probabilmente anche i nostri mari di ponente. Si porranno in essere così le basi per un possibile guasto del tempo su gran parte dell’Italia. L’argomento verrà opportunamente approfondito non appena avremo a disposizione adeguato materiale sinottico.

Luca Angelini

Luca Angelini
Luca Angelini

Naturalista, ha lavorato come previsore presso il sito MeteoLive.it, collabora come redattore per l'Associazione Meteonetwork e con l'Associazione Bernacca di cui è socio.

View all contributions by Luca Angelini

Website: http://meteobook.it/

Leave a reply

You must be logged in to post a comment.

Associazione Edmondo Bernacca Onlus
Via Lazio, 14 Loc. Vivaro 00040
Rocca Di Papa (RM)
P.I. 09202051000
info@associazionebernacca.it