Confermata la discesa di aria artica sull’Italia giovedì 29 maggio

0 23

L’aria fresca in arrivo dalla calotta sì, ce la farà a toccare l’Italia.
La vediamo entrare in azione sul Triveneto, incuneandosi facilmente tra le vallate e le cime alpine, pronta a rovesciarsi anche sul resto del Nord e sui mari vicini nel giro di altre 24 ore.
E’ aria in origine asciutta, ma che avrà riacquistato un po’ di umidità passando sul Mar Baltico; e difatti si vedono piogge previste (le macchie viola) anche a seguire il fronte, tra Baviera, Austria e Repubblica Ceca, proprio le zone colpite dal ramo della perturbazione che avrà goduto del rifornimento.

Comunque, nel frattempo continuerà lentamente il suo viaggio anche verso i Balcani, ma soprattutto verso la Francia, dove spingerà di più e dove accenderà più facilmente i venti d’alta quota, accelerandoli da nord verso sud, e proponendo così nel giro di un paio di giorni l’approfondimento della bassa pressione tra Svizzera, Austria e Germania, ma anche di un’alta pressione tra Isole Britanniche e coste atlantiche francesi.

Da questo piccolo baluardo dell’alta pressione oceanica, più visibile tra domenica e lunedì potrebbe scapparci qualche giorno di tempo in più per scaldare l’aria della terraferma in prossimità dell’Oceano, in modo da invitare un’alta pressione timida a distendersi finalmente verso l’Europa e consolidarsi almeno su queste zone.

Vi dirò: a pelle non sono molto convinto di questo cambiamento, perché i venti che guidano l’aria fresca in arrivo dalla calotta non sono particolarmente vivaci né insistenti; anzi, arrivano sull’Europa centrale già in frenata. E quindi ho la sensazione che il rimescolamento delle carte in tavola che porteranno avrà una durata di 3-4 giorni; poi se non interverrà qualcos’altro tutto tornerà come adesso a livello generale (e quindi in termini di effetti sull’Italia cambierà poco).

Velocemente con la mappa per giovedì sera, per sottolineare come l'aria fresca in arrivo dalla calotta sì, ce la farà a toccare l'Italia.
La vediamo entrare in azione sul Triveneto, incuneandosi facilmente tra le vallate e le cime alpine, pronta a rovesciarsi anche sul resto del Nord e sui mari vicini nel giro di altre 24 ore.
E' aria in origine asciutta, ma che avrà riacquistato un po' di umidità passando sul Mar Baltico; e difatti si vedono piogge previste (le macchie viola) anche a seguire il fronte, tra Baviera, Austria e Repubblica Ceca, proprio le zone colpite dal ramo della perturbazione che avrà goduto del rifornimento.

Comunque, nel frattempo continuerà lentamente il suo viaggio anche verso i Balcani, ma soprattutto verso la Francia, dove spingerà di più e dove accenderà più facilmente i venti d'alta quota, accelerandoli da nord verso sud, e proponendo così nel giro di un paio di giorni l'approfondimento della bassa pressione tra Svizzera, Austria e Germania, ma anche di un'alta pressione tra Isole Britanniche e coste atlantiche francesi.

Da questo piccolo baluardo dell'alta pressione oceanica, più visibile tra domenica e lunedì potrebbe scapparci qualche giorno di tempo in più per scaldare l'aria della terraferma in prossimità dell'Oceano, in modo da invitare un'alta pressione timida a distendersi finalmente verso l'Europa e consolidarsi almeno su queste zone.

Vi dirò: a pelle non sono molto convinto di questo cambiamento, perché i venti che guidano l'aria fresca in arrivo dalla calotta non sono particolarmente vivaci né insistenti; anzi, arrivano sull'Europa centrale già in frenata. E quindi ho la sensazione che il rimescolamento delle carte in tavola che porteranno avrà una durata di 3-4 giorni; poi se non interverrà qualcos'altro tutto tornerà come adesso a livello generale (e quindi in termini di effetti sull'Italia cambierà poco).
Lorenzo Catania
Lorenzo Catania

Lorenzo Catania, meteorologo, laureato in Fisica con specializzazione in Fisica dell'Atmosfera e Meteorologia. Redattore per Meteolive, Classmeteo, Meteoreport. Collabora con l’Associazione Bernacca.

View all contributions by Lorenzo Catania

Website: https://www.facebook.com/LorenzoCataniameteorology/

Leave a reply

You must be logged in to post a comment.

Associazione Edmondo Bernacca Onlus
Via Lazio, 14 Loc. Vivaro 00040
Rocca Di Papa (RM)
P.I. 09202051000
info@associazionebernacca.it