Zero termico previsto il 2 gennaio 2015.

Da Capodanno altezza dello zero termico in sensibile aumento.

0 10

L’ultimo giorno del 2014 trascorrerà all’insegna del freddo intenso, ma sarà l’ultimo di una due giorni in cui l’inverno è riuscito ad aprirsi una breve parentesi all’interno di un dicembre che chiuderà con temperature al di sopra della norma. Con l’anno nuovo, infatti, le temperature torneranno ad aumentare (specie nei valori massimi e laddove non interverranno le inversioni termiche) per l’espansione verso l’Italia dell’Anticiclone delle Azzorre, la cui azione stabile interesserà maggiormente i settori di ponente con un’azione di compressione degli strati d’aria – cioè con un moto dall’alto verso il basso – che darà i suoi massimi effetti in quota dove l’altezza dello zero termico è prevista in sensibile aumento. Entro il pomeriggio di venerdì 2 gennaio, infatti, tale altezza si collocherà all’incirca tra i 2600 ed i 3000 metri sulle Alpi ed intorno ai 2300-2500 metri sull’Appennino centro-settentrionale, risalendo così in alcuni settori anche di oltre 2000 metri in 3 giorni. Più lenta la risalita sulle regioni meridionali, dove venerdì sarà ancora presente una blanda circolazione settentrionale.

Andrea Corigliano

Zero termico previsto il 2 gennaio 2015.

Zero termico previsto il 2 gennaio 2015.

Andrea Corigliano
Andrea Corigliano

Andrea Corigliano, laureato in fisica, meteorologo e divulgatore scientifico, ha collaborato con il col. Mario Giuliacci presso il centro MeteoGiuliacci. E' stato docente di meteorologia. Collabora con l’Associazione Bernacca.

View all contributions by Andrea Corigliano

Website: https://www.facebook.com/andreacorigliano.meteorologo

Similar articles

Leave a reply

You must be logged in to post a comment.

Associazione Edmondo Bernacca Onlus
Via Lazio, 14 Loc. Vivaro 00040
Rocca Di Papa (RM)
P.I. 09202051000
info@associazionebernacca.it