Fine settimana movimentato, ecco le previsioni – Luca Angelini

0 104

sinottica sabatoL’alta pressione che per molti giorni ha insistito esponendosi dal nord Africa verso il Mediterraneo e l’Italia sta per mutare il suo assetto. La sua nuova destinazione sarà un angolo remoto tra l’Islanda e la Groenlandia, solitamente sede di furiose depressioni. La sua presenza ingombrante andrà a spostare l’aria molto fredda che giace da quelle parti, zone poste entro il Circolo Polare Artico, e la inviterà senza troppi complimenti a ruzzolare verso l’Europa centrale.

Ma sarà proprio sull’Italia che avverrà lo scontro tra questa massa di aria fredda, pilotata da un fronte freddo in arrivo da nord (n.2 in figura) ne più ne meno contro le Alpi, e un flusso più temperato e umido che intercetta la nostra Penisola da ovest (n.1 in figura). E’ la seconda delle due perturbazioni spagnole la quale, a differenza dalla prima un po’ meno “fortunata”, riuscirà a cavarsela proprio per la fusione con il corpo nuvoloso in arrivo dal mare del Nord.

In sostanza la giornata di SABATO, interessata dalla manovra descritta, trascorrerà con molte nubi su quasi tutto il Paese (ad eccezione probabilmente delle Isole) e con possibilità anche di precipitazioni sparse, generalmente deboli o solo localmente e temporaneamente moderate, comunque meno frequenti sulla pianura Padana. Nevicate qua e là sulle Alpi con limite in calo tra 2.000 a 1.500 metri. Il grosso del lavoro però lo farà il fronte freddo in arrivo d’oltralpe il quale, dopo aver “sbattuto” contro le Alpi sabato sera, determinando una recrudescenza dei fenomeni proprio su questi settori, rientrerà DOMENICA da est tagliando in diagonale la val Padana per defluire poi verso l’alto Tirreno.

Lungo questa scia si potranno formare rovesci anche temporaleschi, accompagnati da grandinate e colpi di vento e da successivo ingresso della Bora fredda. Le zone interessate da questi fenomeni saranno probabilmente Triveneto, bassa Lombardia, Emilia, Romagna,  Parte della Liguria, entroterra toscano e nord delle Marche. La neve in questa occasione potrà fare la sua comparsa anche sotto i 1.000 metri, specie lungo la cresta delle Alpi e sul tratto emiliano-romagnolo.

L’angolo di nord-ovest, ad eccezione del basso Piemonte e del Ponente ligurepotrà invece venire interessato da una certa ricaduta favonica (Foehn freddo), quindi da schiarite, anche se nel pomeriggio non si escludono episodi di locale instabilità.

La tendenza per LUNEDI 25 aprile, rimane al momento ancora piuttosto incerta, considerato che è atteso un ulteriore impulso freddo (n.3 in figura), questa volta di tipo post-frontale, che dovrebbe seguire (ma non è detto) a traiettoria del precedente. Questo secondo impulso, spingerà il primo verso le nostre regioni centro-meridionali peninsulari, dove si potrà avere una replica dei rovesci, anche temporaleschi, seguiti da un sensibile crollo delle temperature per rotazione del vento dai quadranti settentrionali. Freddo sulle Alpi, con valori al di sotto dello zero fino a bassa quota.

Luca Angelini

Luca Angelini
Luca Angelini

Naturalista, ha lavorato come previsore presso il sito MeteoLive.it, collabora come redattore per l'Associazione Meteonetwork e con l'Associazione Bernacca di cui è socio.

View all contributions by Luca Angelini

Website: http://meteobook.it/

Leave a reply

You must be logged in to post a comment.

Associazione Edmondo Bernacca Onlus
Via Lazio, 14 Località Vivaro 00040 Rocca Di Papa (RM)
P.I. 09202051000 info@associazionebernacca.it