Nel weekend cambia l’aria, ma al centro-sud nuovamente più caldo dal 28 – Luca Angelini

0 139

probabilL’ondata di calore che sta interessando il nostro Paese è destinata a rientrare nel corso del prossimo fine settimana. La fase preparatoria fino a venerdì, proporrà una generale accentuazione dell’attività temporalesca pomeridiana e serale a carico delle zone montuose.

Nel weekend aria più temperata di origine atlantica piloterà la coda di una perturbazione che genererà un ulteriore passaggio temporalesco al nord e un successivo calo di temperature e tasso di umidità anche sul resto del Paese, dove per contro si assisterà ad un aumento della ventilazione, pur con minor probabilità di precipitazioni.

Ma diamo uno sguardo alla carta proposta in figura: si tratta del campo di geopotenziale di 500hPa previsto in chiave probabilistica con metodo multi-modello per il giorno 29 luglio. Due saranno le ondulazioni depressionarie che verranno ad interessare l’Europa centro-occidentale: la prima si renderà responsabile del ricambio d’aria previsto a partire dal prossimo fine settimana, la seconda elongherà il suo asse più ad ovest, con vertice sulle Canarie.

Da questa posizione, l’elevato gradiente nel frattempo generatosi tra la circolazione temperata (margine nero) e quella subtropicale (margine bianco), attiverà una risposta calda da sud-ovest verso il Mediterraneo centrale, che coinvolgerà direttamente il nostro centro-sud tra il 28 e il 31 luglio, dapprima in quota, poi anche nei bassi strati.

Se il nostro settentrione quindi rimarrà sotto il tiro di un flusso temperato di origine atlantica, il centro e soprattutto il sud e le Isole Maggiori, potrebbero venire interessate da un nuovo promontorio di aria calda di estrazione nord-africana che di fatto ridurrebbe a sole 24-36 ore il calo termico previsto, seguito da una nuova fase con temperature al di sopra della media dal 28 sino a fine luglio.

Il cambiamento previsto si mostra dunque in tutta la sua complessità e richiederà indubbiamente di rimanere aggiornati sull’evoluzione successiva, che pare non si risparmierà nel proporre ulteriori colpi di scena.

Luca Angelini

Luca Angelini
Luca Angelini

Naturalista, ha lavorato come previsore presso il sito MeteoLive.it, collabora come redattore per l'Associazione Meteonetwork e con l'Associazione Bernacca di cui è socio.

View all contributions by Luca Angelini

Website: http://meteobook.it/

Leave a reply

You must be logged in to post a comment.

Associazione Edmondo Bernacca Onlus
Via Lazio, 14 Loc. Vivaro 00040
Rocca Di Papa (RM)
P.I. 09202051000
info@associazionebernacca.it