Pioggia e neve sull’Italia: il maltempo in due ‘step’

0 68

Si torna alla ‘normalità’…. ebbene sì, ci avviamo verso i ‘giorni della merla’ e sobbalziamo per un ritorno a condizioni che rasentano l’inverno vero.

1aaaamercoledìPer un primo assaggio (se non altro sulle regioni Settentrionali) bisognerà attendere la giornata di mercoledì 21 quando ci aspettiamo l’ingresso della perturbazione n.6 di gennaio. Tutto ciò a causa (o per merito) dell’irruzione di Aria Polare Marittima in sede mediterranea ‘stuzzicata’ dal movimento meridiano dell’Anticiclone delle Azzorre. Ma ATTENZIONE: a scanso di equivoci è bene chiarire che Aria Polare Marittima non è sinonimo (almeno sul nostro Paese) di GELO. Affinchè codesta massa d’aria riesca a “rovesciare” al suolo il freddo, particolare importanza rivestiranno le precipitazioni: ove presenti, infatti, gli effetti del calo termico saranno più incisivi favorendo, quindi, fenomeni nevosi anche in pianura sul Piemonte e fin verso quote medio-alte anche sull’Appennino centrale.

1aaaavenerdìIl suo ingresso favorirà una ciclogenesi a sud-ovest della Sardegna che, nel suo lento movimento verso nord-est, potrebbe incoraggiare una severa fase di maltempo, specie sulle regioni Centro-Settentrionali, oltre ad un deciso calo termico. Assieme a questo ritorno alla normalità dal punto di vista termico, arriveranno anche molte piogge e temporali (localmente anche intense su Liguria e versante tirrenico). Le nevicate, come dicevamo, non si limiteranno ad interessare i monti, ma si abbasseranno anche a quote collinari, ossia dai 300 si 600 metri sulle aree pedemontane del Nord e a tratti i fiocchi bianchi potranno essere osservati anche nella pianura piemontese fra mercoledì pomeriggio e giovedì mattina.

1aaaadomenicaDalla giornata di venerdì 23 e fino a domenica 25, invece, un secondo impulso d’aria fredda si tufferà nel Mediterraneo dando origine ad un altro vortice di bassa pressione che si muoverà nuovamente dal Tirreno allo Ionio riattivando forti venti e maltempo soprattutto sulle regioni Centro-Meridionali e sull’alto Adriatico. Quote neve (da confermare) comprese tra gli 800 metri sull’Appennino centrale ed i 1200 metri su quello meridionale. Maestrale intenso sulla Sardegna, calo generale delle temperature su tutto il Paese.

Angelo Ruggieri

Angelo Ruggieri
Angelo Ruggieri

Angelo Ruggieri giornalista, per MeteoWeb.eu dove svolge attività redazionale. E’ presente nei collegamenti meteo di diverse televisioni locali abruzzesi. E’ socio dell’Associazione Bernacca.

View all contributions by Angelo Ruggieri

Website: http://www.meteoweb.eu/

Leave a reply

You must be logged in to post a comment.

Associazione Edmondo Bernacca Onlus
Via Lazio, 14 Loc. Vivaro 00040
Rocca Di Papa (RM)
P.I. 09202051000
info@associazionebernacca.it