Recrudescenza del maltempo: pioggia e neve su medio-Adriatico e Sud

0 93

Tutto, per il momento, secondo i piani…dell’atmosfera.

L’ingresso in sede mediterranea di secondo impulso d’aria fredda ha favorito la genesi di un vortice di bassa pressione che dal canale di Sicilia, muovendo verso il Tirreno meridionale,  ha determinato condizioni di maltempo soprattutto sul medio-basso Adriatico. ensMa, purtroppo, non è finita qui. Anzi… Nel corso della giornata di domenica 25 un nuovo impulso a carattere freddo proveniente dal nord Atlantico si ‘tufferà’ nuovamente nel Mediterraneo centro-occidentale favorendo ancora una volta la genesi di un mulinello di bassa pressione ad ovest della Sardegna che muoverà gradualmente verso il basso Ionio. Vortice questo che, stando alle mappe allegate, garantirà un nuovo rinforzo dei venti dai quadranti settentrionali, un deciso calo termico a partire da domenica, oltre ad una marcata instabilità su medio-Adriatico e Sud: a destra è indicata la previsione della temperatura a 850 hPa – cioè a circa 1500 metri – valida per il tardo pomeriggio di domenica 25 gennaio; a sinistra, invece, la situazione prevista dal sistema probabilistico di ensemble del modello americano GFS sempre per la stessa giornata. spaghetti anconapescaraCalo termico che può essere ben visibile osservando, grazie agli spaghi ensemble di GFS, il campo di temperatura ad 850 hPa (cioè a circa 1500 metri) relativo alle città di Ancona e Pescara: tenendo conto, infatti, del fascio ‘concavo’ delle isoterme di -6°C riportato in figura, si può notare come fino a lunedì 26 le temperature potrebbero rimanere su valori inferiori alle medie del periodo. Con una tale situazione barica le conseguenze, da un punto di vista fenomenologico, sarebbero nevose per il medio Adriatico con la neve, appunto, che potrebbe cadere a quote molto basse in special modo su Marche ed Abruzzo, a quote collinari per quel che concerne Molise, Puglia garganica e Basilicata, sui 900/1000 metri su Calabria e Sicilia. Condizioni meteorologiche decisamente migliori al Nord e su medio-alto Tirreno, anche se il calo termico si avvertirà anche in codeste regioni tanto che non sono da escludere gelate diffuse in Val Padana e nelle valli del centro.

La neve potra cadere anche in pianura o, addiruttura, lungo le coste? Al momento non è assolutamente facile (se non impossibile) rispondere ad un quesito del genere visto che si parla di un fenomeno meteorologico che, almeno in Italia, si decide spesso sul filo del rasoio.

Angelo Ruggieri

Angelo Ruggieri
Angelo Ruggieri

Angelo Ruggieri giornalista, per MeteoWeb.eu dove svolge attività redazionale. E’ presente nei collegamenti meteo di diverse televisioni locali abruzzesi. E’ socio dell’Associazione Bernacca.

View all contributions by Angelo Ruggieri

Website: http://www.meteoweb.eu/

Leave a reply

You must be logged in to post a comment.

Associazione Edmondo Bernacca Onlus
Via Lazio, 14 Loc. Vivaro 00040
Rocca Di Papa (RM)
P.I. 09202051000
info@associazionebernacca.it