Una caldissima prima decade di novembre in montagna – Andrea Corigliano

0 23

La prima decade di questo novembre 2015 ha fatto registrare un caldo marcatamente anomalo in montagna. La persistenza di una robusta struttura anticiclonica, di chiaro stampo estivo viste le altezze di geopotenziale raggiunte dalle superfici isobariche, ha trasportato verso le nostre latitudini aria molto mite di estrazione sub-tropicale marittima che ha fatto raggiungere, in quota, valori di temperatura che sono risultatisuperiori anche alle medie di luglio e di agosto. Un dato tra tutti, alquanto rappresentativo di come abbia assunto sempre più caratteristiche di eccezionalità la situazione che si è delineata negli ultimi giorni, è la temperatura in libera atmosfera che è stata misurata con il radiosondaggio di Milano Linate nelle prime ore del pomeriggio odierno: sfiorando i 18 °C a 850 hPa, è stato raggiunto un valore di circa 14/15 °C superiore a quello che dovrebbe esserci in questo periodo dell’anno a circa 1500 metri di quota. Ovvio allora che, con una struttura anticiclonica che è andata consolidandosi giorno dopo giorno fino a toccare l’apice della propria intensità proprio nella giornata odierna, la quota dello zero termico si è alzata sensibilmente superando con estrema facilità i 4000 metri su tutto l’arco alpino, dove le condizioni meteo-climatiche hanno assunto, con il passare dei giorni, caratteristiche prettamente estive. Ne danno testimonianza le temperature minime e massime registrate e le relative anomalie calcolate rispetto alla climatologia del trentennio 1971-2000 di tre stazioni di riferimento che abbiamo scelto per avere un’idea di quanto sia stata eccezionalmente calda questa prima decade sulle Alpi e sull’Appennino Settentrionale.

A San Valentino alla Muta (1461 metri s.l.m.), in Val Venosta, la temperatura media decadale è stata superiore ai valori medi di +4.9 °C nelle minime e di +9.2 °C nelle massime. Il giorno più caldo è stato quello di domenica 8, con una temperatura minima di 8.0 °C ed una massima di 19.6 °C.

Al Passo Rolle (2006 metri s.l.m.), tra la Valle di Primiero e la Val di Fiemme, la temperatura media decadale è stata superiore ai valori medi di +7.2 °C nelle minime e di +6.8 °C nelle massime. Il giorno più caldo è stato quello di lunedì 9, con una temperatura minima di 7.6 °C ed una massima di 14.2 °C.

Al Monte Cimone (2173 metri s.l.m.), sull’Appennino Settentrionale, la temperatura media decadale è stata superiore ai valori medi di +6.4 °C nelle minime e di +7.7 °C nelle massime. Il giorno più caldo è stato quello di martedì 10, con una temperatura minima di 10.0 °C ed una massima di 17.0 °C.

Nei prossimi giorni seguirà un’analisi a scala nazionale, considerando un campione di 35 stazioni distribuite in modo omogeneo su tutto il territorio.

andrea01

andrea02

Andrea Corigliano

Massimo Ciccazzo
Massimo Ciccazzo

Geometra Laureato, appassionato di meteorologia. Dal 2006 Segretario dell'Associazione Edmondo Bernacca Onlus

View all contributions by Massimo Ciccazzo

Website: http://www.associazionebernacca.it

Leave a reply

You must be logged in to post a comment.

Associazione Edmondo Bernacca Onlus
Via Lazio, 14 Località Vivaro 00040 Rocca Di Papa (RM)
P.I. 09202051000 info@associazionebernacca.it