Una forte ondata di maltempo, la TV e l’Italia – Andrea Corigliano

0 24

Nella settimana che sta per iniziare la nostra penisola sarà interessata da un’ondata di maltempo che in alcune regioni si rivelerà piuttosto pesante. Dal momento che la TV è il mezzo di comunicazione più immediato, sarebbe auspicabile che i programmi che hanno uno spazio meteo al loro interno – telegiornali compresi – concedano maggiore spazio all’approfondimento della situazione, giusto per avere la possibilità di raggiungere il più ampio bacino di utenza possibile e mettere così al corrente il cittadino su che cosa potrebbe succedere, elargendo consigli all’insegna della corretta informazione e della prevenzione. Un simile comportamento, magari con un lievissimo cambiamento del palinsesto che rubi cinque-minuti-cinque al gossip per fare servizio pubblico, sarebbe un comportamento esemplare di un paese civile. Ma sono invece convinto che, se un meteorologo dovesse per caso chiedere più tempo nel commentare questa situazione o volesse farlo di sua spontanea volontà senza avvisare gli autori dei programmi, si troverebbe davanti una bella forbice per invogliarlo caldamente a tagliare. Perché siamo in Italia.

UNA FORTE ONDATA DI MALTEMPO, LA TV E L’ITALIA.

Nella settimana che sta per iniziare la nostra penisola sarà interessata da un’ondata di maltempo che in alcune regioni si rivelerà piuttosto pesante. Dal momento che la TV è il mezzo di comunicazione più immediato, sarebbe auspicabile che i programmi che hanno uno spazio meteo al  loro interno – telegiornali compresi –  concedano maggiore spazio all’approfondimento della situazione, giusto per avere la possibilità di raggiungere il più ampio bacino di utenza possibile e mettere così al corrente il cittadino su che cosa potrebbe succedere, elargendo consigli all’insegna della corretta informazione e della prevenzione. Un simile comportamento, magari con un lievissimo cambiamento del palinsesto che rubi cinque-minuti-cinque al gossip per fare servizio pubblico, sarebbe un comportamento esemplare di un paese civile. Ma sono invece convinto che, se un meteorologo dovesse per caso chiedere più tempo nel commentare questa situazione o volesse farlo di sua spontanea volontà senza avvisare gli autori dei programmi, si troverebbe davanti una bella forbice per invogliarlo caldamente a tagliare. Perché siamo in Italia.
Andrea Corigliano
Massimo Ciccazzo
Massimo Ciccazzo

Geometra Laureato, appassionato di meteorologia. Dal 2006 Segretario dell'Associazione Edmondo Bernacca Onlus

View all contributions by Massimo Ciccazzo

Website: http://www.associazionebernacca.it

Leave a reply

You must be logged in to post a comment.

Associazione Edmondo Bernacca Onlus
Via Lazio, 14 Loc. Vivaro 00040
Rocca Di Papa (RM)
P.I. 09202051000
info@associazionebernacca.it